Menu

A+ A A-

Statuto

TITOLO I
Natura e finalità dell’Istituto

Art. 1
L’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Mario Sturzo” di primo ciclo (in seguito: ISSR) è eretto canonicamente nella Diocesi di Piazza Armerina dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica, con decreto del 12 maggio 2007, n.127.
Art. 2
L’ISSR è un’istituzione accademica ecclesiastica, che si propone l’approfondimento e la trattazione sistematica, con metodo scientifico, della dottrina cattolica, attinta dalla divina Rivelazione, e promuove la ricerca delle risposte agli interrogativi umani, alla luce della stessa Rivelazione, con l’ausilio delle scienze filosofiche, delle scienze umane e delle scienze delle religioni.
Art. 3
Le finalità dell’Istituto sono:
a) la formazione teologica degli allievi per una cosciente e attiva partecipazione ai compiti di evangelizzazione nel mondo contemporaneo;
b) la preparazione dei candidati ai vari ministeri e servizi ecclesiali;
c) la qualificazione scientifica e didattica dei docenti della Religione cattolica nelle scuole.

TITOLO II
La comunità accademica e il suo governo

Art. 4
§ 1. L’ISSR è collegato alla Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia “S. Giovanni Evangelista”. L’ISSR è governato da autorità comuni e da autorità proprie. Le autorità comuni sono il Gran Cancelliere, il Preside, il Consiglio di Facoltà. Le autorità proprie sono il Moderatore, il Direttore, il Collegio dei Docenti e il Consiglio d’Istituto. Se le circostanze lo suggeriscono, può essere nominato un Vice Direttore.
§ 2. La Facoltà Teologica assicura il livello accademico-scientifico dell’Istituto e l’idoneità dello stesso al conseguimento delle sue finalità.
Art. 5
§ 1. Moderatore dell’ISSR “Mario Sturzo” è il Vescovo di Piazza Armerina.
Art. 6
Il Direttore dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose è nominato dal Gran Cancelliere, che lo sceglie entro una terna di Docenti stabili designata dal Consiglio d’Istituto, sentito il parere del Consiglio della Facoltà e con il nulla osta del Moderatore.

TITOLO III
I Docenti

Art. 17
I Docenti devono distinguersi per onestà di vita, integrità di dottrina, senso di responsabilità ecclesiale ed accademica. L’insegnamento dovrà essere improntato all’adesione alla divina Rivelazione, alla fedeltà al Magistero della Chiesa e al rispetto della verità scientifica.

TITOLO IV
Gli Studenti

Art. 23
Gli Studenti debbono distinguersi per fedeltà evangelica, impegno ecclesiale e desiderio di intelligenza della fede.
Art. 24
Gli studenti sono Ordinari, Straordinari e Uditori:
§ 1. Sono Ordinari gli Studenti che tendono al conseguimento del titolo accademico conferito dall’Istituto.
§ 2. Sono Straordinari gli Studenti che non aspirano al grado accademico e desiderano accedere agli insegnamenti predisposti dall’ISSR per il conseguimento di semplici attestati di frequenza.
§ 3. Sono Uditori gli Studenti ammessi di volta in volta a seguire uno o più corsi dell’Istituto, con il consenso del Direttore senza possibilità di accedere ai relativi esami. Essi possono ottenere un attestato di frequenza per i corsi frequentati.

TITOLO VI
Ordinamento degli studi e titolo accademico

Art. 35
Il piano degli studi dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose ha carattere istituzionale ed è inteso a dare una visione relativamente completa e critica del Mistero e dell’esistenza cristiana e dei loro necessari presupposti filosofici e delle altre scienze umane.
Art. 36
Il piano degli studi dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose è della durata di tre anni, al termine dei quali si consegue il grado accademico di Laurea in Scienze Religiose.
Art. 37
§1. Nel Triennio sono trattate tutte le fondamentali discipline teologiche e filosofiche, in modo tale che al titolo conclusivo di Laurea in Scienze Religiose corrisponda la completezza del percorso, che vuole preparare all’identificazione critica e alla formulazione, maturata e argomentata, della “domanda teologica”, nella sua complessità, attraverso una iniziazione attiva alla ricerca teologica a confronto delle fonti del pensare teologico.
§2. Il piano degli studi dell’Istituto, allegato al presente Statuto, prevede nel Triennio le discipline obbligatorie, richieste dalle Normative di riferimento, e un congruo numero di discipline complementari e opzionali.
§3. I crediti sono calcolati secondo il sistema europeo degli ECTS e per il Triennio sono normalmente 180, comprendendo corsi, seminari, laboratori e tirocini.

TITOLO VII
I gradi accademici

Art. 39
Grado accademico conclusivo del Triennio dell’Istituto è la Laurea in Scienze Religiose (Baccalaureato in Scienze Religiose), conferita dalla Facoltà Teologica di Sicilia.
Art. 40
§1. Per il conseguimento della Laurea in Scienze Religiose il Candidato deve comporre e discutere un elaborato scritto e sostenere un esame sintetico su un apposito tesario davanti ad una commissione di almeno tre Docenti.
§2. Inoltre lo Studente deve avere acquisito la conoscenza di una lingua moderna, oltre la propria.

 

INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.